ARMAGHEDON * Pianeta Terra 13 Aprile 2036 - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

ARMAGHEDON * Pianeta Terra 13 Aprile 2036

Radioastronomia
 
Con Armageddon (in latino tardo Armagedōn, latino ecclesiastico Armageddon, pronuncia [armaˈʤɛddon])[1] o anche Armagedon, Armaghedon (pronuncia /armaɡeˈdɔn/), in greco Ἁρμαγεδών, Harmagedṓn, s'indica un luogo dove, secondo il Nuovo Testamento (Apocalisse 16,16), tre spiriti immondi radunerebbero, alla fine dei tempi, tutti i re della terra. L'interpretazione immediata, dato il contesto, è che si tratti della battaglia finale tra i re della terra (incitati da Satana) e Dio, tra il Bene e il Male. Nell'unico verso del Nuovo Testamento dove compare si dice che Armageddon è un termine ebraico. Esso sembra puntare a una località oggi chiamata Tel Megiddo, in Israele, a circa 15 km a sud-sudovest di Nazaret. L'antico nome era הר מגידו, Har Məgiddô ("monte di Megiddo" o "di Mageddo"); nell'Antico Testamento il luogo è citato come luogo di molte battaglie decisive nell'antichità e comunemente considerato simbolo di strage e disfatta; anche se in un luogo prossimo a Megiddo (probabilmente Tell el-'Amr, circa 19 km a nordovest della località) Barac, il condottiero della giudice Debora, il giudice Gedeone e il re Davide sconfissero i nemici di Israele. L'evangelista Giovanni scrive il Libro dell'Apocalisse. Dipinto di Hieronymus Bosch (1505). Il termine viene spesso usato per indicare la battaglia in sé oppure, nella sua accezione più estesa, l'Apocalisse stessa. Per estensione il termine può indicare, genericamente, una catastrofe. Prima della seconda guerra mondiale, la stampa e l'editoria in genere denominavano la prima guerra mondiale come l'"Armageddon", oltre che "la grande guerra".


APPUNTI DI RADIOASTRONOMIA
a cura di Giovanni Lorusso IK0ELN
IARA Group, SAIt, SdR Radioastronomia UAI



 
Nell'Apocalisse gli angeli versano «le sette coppe dell'ira di Dio» sulla Terra. L'Armageddon viene dopo il versamento della sesta coppa: « Poi il sesto angelo versò la sua coppa sul gran fiume Eufrate, e le sue acque si prosciugarono perché fosse preparata la via ai re che vengono dall'Oriente. E vidi uscire dalla bocca del dragone, da quella della bestia e da quella del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane. Essi sono spiriti di demoni capaci di compiere dei miracoli. Essi vanno dai re di tutta la terra per radunarli per la battaglia del gran giorno del Dio onnipotente. (Ecco, io vengo come un ladro; beato chi veglia e custodisce le sue vesti perché non cammini nudo e non si veda la sua vergogna).) E radunarono i re nel luogo che in ebraico si chiama Harmaghedon.» Resurrezione dei morti. Particolare del rosone rappresentante l'Apocalisse nella chiesa Sainte-Chapelle, Parigi, ca. 1200. Questo passaggio è ambiguo, non è chiaro se vi è davvero successo qualcosa o se il raduno degli eserciti è solo un simbolo. Infatti, vi fu in quel posto un raduno dell'esercito romano in preparazione di uno degli attacchi a Gerusalemme nel 67 d.C.

ARMAGHEDON * Pianeta Terra 13 Aprile 2036
di Giovanni Lorusso IK0ELN

Introduzione
La parola Armaghedon è di orgine ebraica e ricorre spesso nel Nuovo Testamento, nell’Apocalisse di Giovanni per indicare, più dettagliatamente, la montagna di Meghiddò, dove il re Giosia subì una disastrosa sconfitta. Mentre, a noi, abitanti del pianeta Terra, ci fa venire in mente scene di distruzione di massa o una catastrofe di dimensioni cosmiche, soprattutto dopo la visione delle immagini del film “Armaggedon – Giudizio Finale”, magistralmente diretto, nel 1998, dal regista Michael Bay e con un cast di attori di elevata professionalità. Nella sinossi del film è rappresentato un asteroide di enormi proporzioni che si dirige verso la Terra alla velocità di 22.000 miglia orarie. Un bel film di fantascienza, con scene davvero drammatiche e ricco di suspence...


Abituati come siamo a vivere la nostra vita frenetica sul nostro pianeta, non ci sfiora minimamente l’idea che un corpo celeste possa colpire la Terra.
Quando poi ci giungono notizie che questo evento potrebbe succedere e con una data ben precisa, ci lasciano increduli.
La nostra prima reazione è quella di valutare la data:"Il 13 Aprile 2036? Beh, tanto, io non ci sarò più!".
Poi, il panico: "Si, però, dei miei figli, dei miei nipoti, che ne sarà?"
Infine, cerchiamo di rassicurare noi stessi e le persone a noi care:"Ma si, vedrai che è tutta una trovata mediatica; sicuramente i giornalisti avranno esagerato come sempre; ed anche se la notizia fosse vera, con i potenti mezzi nucleari che ci sono sulla Terra, saremo in grado di spappolarlo e ridurlo in pezzettini."
Così dicendo, osserviamo le facce di chi ci ascolta, alla ricerca di un consenso che, ancor di più, ci rassereni.
Purtroppo, la notizia è vera ed i mass media, questa volta, non hanno esagerato quando hanno parlato di un possibile
impatto asteroidale con la Terra, previsto dagli esperti nell’anno 2036.
Adesso, però, entriamo nel vivo dell’argomento e cerchiamo di capire che cosa succederà realmente il 13 Aprile del 2036 e lo facciamo partendoci dal luogo di provenienza di questo asteroide, che i ricercatori hanno denominato Apophis (il nome greco del dio egiziano Apep, cioè: il distruttore) in rotta di collisione con la Terra.
Ebbene, nel nostro sistema solare, a circa 2,8 UA (una Unità Astronomica corrisponde alla distanza Terra-Sole, pari a circa 150 milioni di Km) tra i pianeti Marte e Giove, orbita la “Cintura Asteroidale”, ovvero: una moltitudine di asteroidi, di varie dimensioni, i quali, secondo alcuni planetologi, rappresentano il residuo di un eventuale pianeta mai nato a causa delle enormi forzi mareali di Giove.
A tal proposito, va detto che, già dal 1766, l’astronomo Johann D. Titus, si accorse del salto nella regolare spaziatura dei pianeti del nostro sistema solare. Successivamente, nel 1801, l’astronomo Giuseppe Piazzi, in quella irregolare spaziatura, scoprì il primo asteroide, identificato poi, con il nominativo di Ceres.
Da allora, gli astronomi ne hanno identificati oltre 18.000, classificati come NEO, Near Earth Object (oggetti vicini alla Terra) e suddivisi per categoria, in base al tipo di orbita che percorrono: Amor, Apollo e Aten. Gli Asteroidi Amor con un'orbita distante di 1,3 U.A.; gli Apollo con un'orbita di 1 U.A.; e gli Aten con un'orbita di -1 U.A.; comunque classificati tutti P.H.A. - Potentially Hazardeus Asteroid (asteroidi potenzialmente pericolosi).
Il nostro “visitatore”, di circa 320 metri di diametro, fu avvistato per la prima volta nel Dicembre 2004 dal JPL, Jet Propulsion Laboratory in California e dai ricercatori dell’Università di Pisa e classificato come NEO, con valore 2 di impatto della “Scala di Torino” (una specie di scala Mercalli per questo tipo di disastri). Immediatamente, i dati orbitali di Apophis furono comunicati al Minor Planet Center, il quale elaborò le previsioni d’impatto con la Terra, elevandoli al valore di 4 sulla Scala di Torino e, addirittura, fissandone la data al 13 Aprile 2029. Tuttavia, i mass media diramarono la notizia senza eufemismi, anche perché ricorrevano le vacanze natalizie ed il loro interesse era rivolto soprattutto alla drammatica notizia dello tsunami che, il 26 Dicembre 2004, devastò l’Asia Sud Orientale. Ma, il 28 Dicembre, uno dei ricercatori dell’osservatorio astronomico Spacewatch di Kitt Peack, in Arizona, si ricordò di aver già visto le immagini di Apophis, riprese dal telescopio e, dopo aver rielaborato i calcoli, rinviò l’impatto al 13 Aprile 2036.
Infine, nel Gennaio 2005, i radioastronomi del radiotelescopio di Arecibo Portorico, dopo averlo osservato in banda radio e rielaborato i dati orbitali, stabilirono che le probabilità di impatto erano ridotte soltanto al valore 1 della Scala di Torino.
E’ ormai certo che, in quella data, Apophis transiterà radente l’orbita dei nostri satelliti geosincroni; risulterà visibile dalla Terra (anche con binocoli di modesto ingrandimento) come una brillante stella di magnitudine terza. Quindi, una probabilità di 1 parte su 45.000 di colpire la Terra, che non giustifica lo stato di allarme; ma, che, tuttavia, non può essere trascurata.
E, per evitare che, per quella data, il “dio egiziano Apep” ci colga impreparati, le Nazioni Unite e le Agenzie Spaziali si sono riunite per cercare di elaborare un piano di difesa, in caso di un suo incontro “molto ravvicinato”; e, tra le tante proposte avanzate, quella presa in seria considerazione dalla commissione di esperti, è stata quella del “trattore gravitazionale”.
In pratica, si tratta di inviare una grande astronave in orbita intorno all’asteroide, la quale, sfruttando la forza di gravità e la propulsione dei suoi motori, rimorchierebbe l’asteroide fino a modificargli la sua orbita e, quindi, scongiurare anche le sue “cattive intenzioni”.
Scartata a priori l’idea di colpirlo con testate nucleari fino a frantumarlo, in quanto provocherebbe uno sciame di corpi celesti, di varie dimensioni, che cadrebbero in più parti sulla Terra; senza sottovalutare una eventuale gigantesca onda
di ritorno verso il nostro pianeta, causata dalle esplosioni delle testate nucleari (giova ricordare gli effetti provocati dal terremoto del 26 Dicembre 2006 che devastò l’Asia SE: un terribile tsunami e lo spostamento dell’asse terrestre, fortunatamente, di pochissimi gradi!).
Perciò possiamo stare tranquilli, perché nessuna minaccia incombe dallo spazio; noi non scompariremo come i dinosauri e… nessun pericolo per le antenne dei radioamatori del 2036.
(A destra l'immagine di Aphopis ripresa dall'Hubble Space Telescope)

Nell'Apocalisse gli angeli versano «le sette coppe dell'ira di Dio» sulla Terra. L'Armageddon viene dopo il versamento della sesta coppa: « Poi il sesto angelo versò la sua coppa sul gran fiume Eufrate, e le sue acque si prosciugarono perché fosse preparata la via ai re che vengono dall'Oriente. E vidi uscire dalla bocca del dragone, da quella della bestia e da quella del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane. Essi sono spiriti di demoni capaci di compiere dei miracoli. Essi vanno dai re di tutta la terra per radunarli per la battaglia del gran giorno del Dio onnipotente. (Ecco, io vengo come un ladro; beato chi veglia e custodisce le sue vesti perché non cammini nudo e non si veda la sua vergogna).) E radunarono i re nel luogo che in ebraico si chiama Harmaghedon.» Resurrezione dei morti. Particolare del rosone rappresentante l'Apocalisse nella chiesa Sainte-Chapelle, Parigi, ca. 1200. Questo passaggio è ambiguo, non è chiaro se vi è davvero successo qualcosa o se il raduno degli eserciti è solo un simbolo. Infatti, vi fu in quel posto un raduno dell'esercito romano in preparazione di uno degli attacchi a Gerusalemme nel 67 d.C. Questo ben si accorda con l'interpretazione preterista che la settima coppa dell'ira di Dio (Ap 16,17-21) si riferisca agli eventi che portarono alla distruzione di Gerusalemme nel 70 d.C. Ciononostante, la menzione di un esercito proveniente da oriente composto da 200 milioni di soldati, numero impossibile per qualsiasi battaglia di quel tempo, può, invece, essere considerato come una predizione di eventi futuri. Megiddo viene citato varie volte nell'Antico Testamento. I Libri dei Re (23,28-30) e i Libri delle Cronache (35,20-25) descrivono una battaglia che vi si svolse nel 609 a.C. La battaglia causa la morte di Giosia, un riformatore religioso appena trentenne che sembrava promettesse un rinnovamento dello stato teocratico ebreo, che diede vita ai miti sul suo trionfante ritorno. Si dice che Giosia sia morto per mano del faraone egiziano Necho II proprio quando la monarchia della stirpe di Davide era in ascesa dopo un periodo di disordini e corruzione. La sua morte accelerò il declino di una fazione fortemente monoteistica nella Giudea degli anni precedenti la cattività babilonese. L'idea che un re della stirpe di Davide un giorno sarebbe ritornato per combattere e vincere a Megiddo è un esempio del mito del Messia. La valle è caratterizzata dalla presenza di tell o colline artificiali archeologiche, cumuli di ruderi di insediamenti risalenti all'Età del bronzo e all'Età del ferro stabilitisi 5.000 anni fa e durati fino al 650 a.C. Alcuni sosterrebbero che il termine "Armageddon" non è altro che un antico esempio di "mondegreen".
 
Torna ai contenuti | Torna al menu