Il sistema di trasmissione digitale "Bell 103" - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il sistema di trasmissione digitale "Bell 103"

Modi digitali

L’attività dei radioamatori è rappresentata di sicuro dai modi digitali. I sistemi digitali sono tra i più disparati e tra questi più in uso dai radioamatori sono: AMTOR, APRS, ATV, Bell 103, Bell 202, CLOVER2000, CW, DominioEx, DV, Fax, FSK441, Hell, JT44, JT65, JT6M, MFSK 8/16, MT63, Olivia, Onda continua, Onda modulata continua, On-off keying, Packet radio, PACTOR, PSK31/63, Q15X25, RTTY, SSTV, Throb, WSPR. Questi modi digitali, con l’ausilio di un personal computer, i radioamatori sono in grado di fare sperimentazione di trasmissioni in digitale.

La qualità dei suoni digitali dipendono da tre fattori fondamentali di una registrazione audio: 1. Frequenza, 2. Bit per campioni, 3. Fonia. Tali proprietà di suoni sono settabili da una finestra apposita, così variando la frequenza, la qualità del suono varia nel numero di campionamenti dei suoni digitale stessi in un secondo; variando i bit varia il range della rappresentazione dei valori delle ampiezze, mentre variando la fonia si varia il numero dei canali audio. Naturalmente più la qualità di una registrazione del suono digitale è elevata, maggiore sarà lo spazio di memorizzazione richiesto.

IL SISTEMA BELL 103 MODEM

Il Bell 103 modem o set di dati di Bell 103 è stato il secondo commerciale modem per computer , rilasciato da AT&T nel 1962 . Ha permesso digitale dei dati da trasmettere oltre regolare incondizionato linee telefoniche ad una velocità di 300 bit al secondo . E 'seguita l'introduzione della trasmissione 110 di Bell 101 set di dati nel 1958.
Il modem Bell 103 utilizzato frequenza audio-shift keying per codificare i dati. Diverse coppie di frequenze audio sono stati utilizzati da ciascuna stazione:
• L' origine stazione usato un marchio tono di 1270 Hz e un tono spazio di 1.070 Hz.;
• La risposta stazione usato un marchio tono di 2225 Hz e un tono spazio di 2.025 Hz.
Anche se originale Bell 103 modem non sono più in uso comune, questo schema di codifica è denominato genericamente come "Bell 103 modulazione", e qualsiasi dispositivo che impiega come "Bell 103-compatibile" o "un Bell 103 modem".
Per molti anni, alta velocità modem mantenuto la capacità di emulare il Bell 103, permettendo un metodo di ripiego per i dati da comunicare a bassa velocità se le condizioni del canale deteriorata.

Le applicazioni del Bell 103 modem
Bell 103 modulazione è ancora in uso oggi, in radio a onde corte , radioamatori , e alcune applicazioni commerciali. La sua bassa velocità di segnalazione e l'uso di frequenze audio lo rende adatto per i collegamenti a banda stretta rumoroso o inaffidabili.
Ad esempio, il CHU onde corte stazione di Ottawa , Canada trasmette un Bell 103-compatibile time code digitale ogni minuto. Bell 103 modulazione è anche lo standard per amatori packet radio in HF (onde corte) bande.

La tecnologia correlata del Bell 103 modem
L' ITU-T V.21 standard di comunicazione definisce uno schema di modulazione molto simile. Commerciale 300 baud modem tipicamente supportano entrambi i formati.


Fonte: Wikipedia

Frequenze dedicate ai servizi di trasmissioni dei modi digitali dei radioamatori in Bell 103.
Riportiamo qui l'estratto per le principali  frequenze  assegnate sole bande di interesse  radioamatoriale  del Nuovo Piano Nazionale di  ripartizione delle frequenze in Bell 103.
E’ possibile ricevere e trasmettere nelle seguenti frequenze in Bell 103: da 430925 a 431025, da 1240 a 1241, da 2355 a 2365, da 2392 a 2400, 5766+-4, 10300+-50, 10359 +-9, 10435.5 +-65, da 24000 a 24048 e da 47100 a 47200 in tutti i modi e sistemi digitali.

 
Ci sono suoni importanti nella vita d’ognuno di noi, suoni che non sappiamo imitare. Mistiche vibrazioni perse nell’aria, che vagano alla ricerca di un luogo su cui posarsi per lasciarsi ascoltare. Lontano, nella nostra coscienza, esiste una fragile chiave capace di aprire i cancelli dei nostri più segreti silenzi. Dove si nasconde la nostra percezione? Perché si allontana, da noi? Ci sono suoni buoni, altri invece che non sorridono. Quelli che impariamo a riconoscere a volte ci sfuggono per non lasciarsi ascoltare fino in fondo, per restare capaci di nutrirci, così come ci nutre un paesaggio, la neve che cade, l’acqua che scorre. Suoni che restano dentro di noi come profumi che non dimenticheremo mai e non vogliamo dimenticare, come la voce di una madre, di un padre, di un figlio.


Ascolta il segnale digitale del sistema "Bell 103"
(Clicca sull'altoparlante)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu