Come aprire una Sezione CISAR - Associazione Nazionale Radioamatori - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Come aprire una Sezione CISAR - Associazione Nazionale Radioamatori

C.I.S.A.R. Italia
Altre caratteristiche delle onde radio. Questa in sostanza è la teoria che riguarda parte degli effetti dell'altezza dell'aereo, ovvero alla distanza che la separa dal suolo sottostante che decide l'angolo di riflessione, e che è relativa alla lunghezza d'onda sulla quale essa risuona. Di questo importante "parametro" ci occuperemo più avanti, nel capitolo "Effetto Terra". La riflessione diffusa si verifica quando l'altezza della rugosità del terreno dove l'onda va ad incidere, è di dimensione paragonabile alla lunghezza d'onda stessa. Per conoscere, con buona precisione, l'attenuazione dovuta al percorso nello spazio libero, si ricorre alla formula: Att. = 37 + 20 LOG F + 20 LOG D (in dB). Esiste tuttavia un abaco, con il quale sarà molto più semplice determinare l'attenuazione in dB dovuta alla distanza tra la stazione trasmittente e ricevente, naturalmente considerando quale attenuazione solo l'atmosfera. Altre cause di attenuazione sono dovute alla conformazione planimetrica generale delle zone che l'onda deve attraversare, gli edifici che trova sul percorso, linee elettriche, ecc. Abaco utile per determinare il livello di attenuazione dell’intensità di campo lungo un percorso libero valido per una antenna ad emissione isotropica. Per altri tipi di antenne, per conoscere l’attenuazione, occorre conoscere le caratteristiche di G e D e rapportarle a quelle isotropiche. M.U.F. - Massima Frequenza Usabile Quando si vogliono conoscere le condizioni di trasmissione favorevoli per un collegamento a lunga distanza, da effettuare in un desiderato momento, è utile calcolare la Massima Frequenza Usabile, detta M.U.F. Conoscerla serve a sfruttare nel miglior modo possibile i vari strati atmosferici di riflessione dell'onda, stabilendo quale di essi è possibile utilizzare in un determinato momento, e quindi scegliere la relativa frequenza (o banda) opportuna per la trasmissione. Formula : Frequenza da utilizzare = FC D h 2 2 4 +1 dove: FC è la frequenza critica*; D è la distanza tra l'antenna trasmittente e quella ricevente; h è la quota alla quale si verifica la riflessione della ionosfera. Quando un’antenna ha un angolo di riflessione variabile dal più basso al più alto, il punto, a partire dal quale l'onda non viene più riflessa dalla ionosfera, correlato alla frequenza in uso, determina la FC. Oltre, il segnale si perde nello spazio. Naturalmente l'antenna deve essere posta ad una certa altezza dal suolo per ottenere l'angolo più basso possibile, in modo che il segnale possa, con un solo "salto", giungere a destinazione e presentarsi al ricevitore con intensità rilevata sufficientemente leggibile.

Come aprire una Sezione CISAR - Associazione Nazionale Radioamatori

Questa che segue è in linea di massima la lista delle cose da fare, qualora intendiate aprire una Sezione CISAR in Italia.
Per prima cosa sarà necessario riunire il gruppo dei Radioamatori intenzionati a tal fine, per produrre il primo atto che ufficializza l'apertura di una nuova Sezione.
Bisogna preparare un verbale, con il quale i convenuti dichiarano la loro intenzione di aprire una Sezione. Potrebbe ritornare utile l'esempio di verbale di costituzione, riportato di seguito (DOC 1 -
di fondazione).

Una volta effettuato il primo passo, la neo eletta Sezione dovrà nominare un Consiglio Direttivo provvisorio, che rimarrà in carica fino alla prima elezione pubblica, a meno che nella stessa riunione si riesca a fare elezioni tra tutti i soci presenti.
Ricordiamo che il Consiglio Direttivo dovrà essere formato da un Presidente, un Vice Presidente, un Segretario, un Tesoriere ed un Consigliere.
Oltre a questo, se possibile, dovrà essere formato un Consiglio Sindacale, con un Sindaco e due Probiviri.
Le eventuali cariche decise potranno essere inserite direttamente nel primo verbale di fondazione di Sezione, per accelerare i tempi di ratifica da parte della Segreteria Amministrativa nazionale.
Oltre a ciò, la nuova Sezione ha la possibilità di scrivere un proprio Regolamento Interno, secondo le peculiarità del gruppo di Radioamatori che si costituisce, e per sancire in maniera più specifica le attività della Sezione, di quanto  ha stabilito lo Statuto associativo C.I.S.A.R. depositato presso il notaio dal 1981, e successive modificazioni.
La Sezione potrebbe anche istituire una quota di Socio Sostenitore, diversa e maggiore di quella Ordinaria nazionale, con l'intenzione di costituire un fondo economico, da cui attingere per le proprie sperimentazioni. Deve comunque essere chiaro che la  quota Ordinaria di Socio costituisce già il godimento di tutti i diritti previsti dai Soci dell'Associazione Nazionale C.I.S.A.R. L'eventuale quota di Socio Sostenitore, ovviamente di maggiore entità rispetto alla prima, è una scelta volontaria  per i Soci che intendono aderire alla Sezione.
Un esempio valido di base per un Regolamento Interno è rappresentato dal documento che troverete di seguito (DOC 2 - Regolamento Interno);  ogni Sezione, ovviamente, potrà cambiarlo a proprio piacimento, o dichiarare semplicemente di accettare lo Statuto nazionale, senza ulteriori specifiche.
Il Verbale di fondazione della Sezione, insieme all'eventuale Regolamento Interno di Sezione, dovrà essere inviato per posta alla Segreteria Amministrativa nazionale, per la successiva ratifica da parte del Consiglio Direttivo. A ratifica avvenuta,  verrà data informazione sull'esito, e la successiva pubblicazione sull'elenco delle Sezioni.
A questo punto, la neo eletta e costituita Segreteria di Sezione deve svolgere alcune procedure fondamentali:
1) Per prima cosa, adoperarsi per preparare i verbali sopra menzionati ed inviarli alla Segreteria nazionale;
2) Far riempire e firmare le schede di adesione a tutti i Soci di Sezione, inviandone copia alla Segreteria nazionale;
3) Raccogliere le quote di Socio Ordinario annuale, entro il 31 gennaio di ogni anno, ed inviare - in una unica soluzione tramite bollettino postale - la parte spettante alla Segreteria nazionale di Roma, unitamente ad un foglio riassuntivo dei Soci in  regola, con nominativo, nome e cognome di ciascuno. Questo entro e non oltre la fine del mese di Febbraio di ogni anno;
4) Inviare ai propri Soci il bollettino nazionale ed intrattenere i rapporti con i Soci della propria Sezione, informandoli delle notizie che giungono dalla Segreteria nazionale;
5) Se possibile, utilizzare la posta telematica, con la creazione di una casella direttamente sul sito Internet ufficiale (www.cisar.it); in questo modo tutta la corrispondenza e le varie informazioni in partenza dalla segreteria nazionale potrebbero  raggiungere in tempo reale la Segreteria di Sezione, e di conseguenza tutti i Soci nel territorio.

Per qualsiasi ulteriore informazione, consiglio od altro, inviare una e-mail oppure inviare una lettera alla Segreteria Nazionale di Mestre.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu