I Radioamatori che hanno costituito l'Associazione Nazionale Radioamatori - "Sezione C.I.S.A.R. Giulianova (Te)" - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Radioamatori che hanno costituito l'Associazione Nazionale Radioamatori - "Sezione C.I.S.A.R. Giulianova (Te)"

CISAR Giulianova > Galleria fotografica
I radioamatori possono operare su porzioni ben precise dello spettro elettromagnetico. Le bande sono allocate nelle gamme LF, MF, HF, VHF, UHF, SHF ed EHF, secondo il Piano nazionale di ripartizione delle frequenze, o PNRF, redatto dal Ministero delle Comunicazioni, su indicazioni dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU o UIT). Le bande LF, MF, HF permettono generalmente comunicazioni anche intercontinentali, mentre VHF, UHF, SHF, EHF quasi sempre solo locali, nazionali ed occasionalmente europee.

L'Associazione CISAR. Il "Centro Italiano di Sperimentazioni ed Attività Radiantistiche è una Associazione Nazionale senza fini di lucro i cui iscritti operano nell'ambito del più totale volontariato, è nata allo scopo di riunire i radioamatori, radioascoltatori debitamente autorizzati, e tutti coloro che desiderano approfondire od hanno interesse per la radiotecnica, l'elettronica e le radiocomunicazioni in generale.
Tra le attività correnti la "Associazione C.I.S.A.R. - Cura la divulgazione di tutte le attività culturali e scientifiche connesse alle sperimentazioni nel mondo della radio:
L'organizzazione di mostre temporanee di tipo didattico, lezioni, incontri, conferenze, proiezione di diapositive sia presso le proprie sezioni italiane sia presso le scuole di ogni ordine e grado e il supporto scientifico di base per chi si avvicina per la prima volta al mondo della radio.


 

Alla presenza di una trentina di radioamatori ed appassionati di ricetrasmissione è stata costituita l'11 Novembre 2011 a Giulianova la sezione locale dell’Associazione Nazionale Radioamatori C.I.S.A.R. – Centro Italiano Sperimentazione ed Attività Radiantistica.
E’ la prima volta che a Giulianova prende vita un’iniziativa del genere, dettata essenzialmente dalla passione dei partecipanti per le attività radioamatoriali le quali, oltre che costituire un’occasione di contatto amichevole con operatori sia locali che di tutto il mondo, molto spesso si sono rivelate determinanti nella risoluzione di problemi connessi a situazioni di particolare emergenza.
I fondatori, alla presenza di radioamatori storici di Giulianova quali, Giorgio Imperatore, Walter Vaccarini, Tiberio Torrieri, Piergiacomo De Ascaniis, ed altri, hanno aderito allo Statuto  dell’Associazione Nazionale suddetta ed hanno nominato, in attesa della ratifica e della piena operatività, un Consiglio Direttivo pro-tempore costituito da Umberto Raimondi con la carica di Presidente, Giancarlo  Buonpadre con quella di Vice Presidente e Francesco Mosca con quella di Segretario/Tesoriere.
Considerata anche la valenza di servizio pubblico delle attività previste, al fine di ottenere un supporto, seppure semplicemente logistico, è stata inoltrata al Comune di Giulianova richiesta per l’assegnazione di locali da destinare a sede sociale. In essi potranno essere espletate tutte le funzioni previste, comprese quelle associative, didattiche e dimostrative.

Centro Italiano di Sperimentazione Attività Radiantistiche: assemblea a Campobasso


Nei giorni 29 e 30 settembre p.v. si terrà presso l’hotel S. Giorgio in Campobasso l’assemblea nazionale C.I.S.A.R. Sarà presente il consiglio direttivo nazionale affiancato da responsabili tecnici nazionali.
C.I.S.A.R., acronimo di Centro Italiano di Sperimentazione Attività Radiantistiche, nasce a Roma nel 1981per merito di radioamatori romani il cui principale fine era quello di riunire i radioamatori interessati alle ricetrasmissioni in generale ed in particolare sulle alte frequenze (VHF UHF SHF). I risultati non si fecero aspettare e in pochi mesi venne progettata e realizzata una rete di collegamenti tra alcuni ponti ripetitori VHF (145 Mhz), mediante una dorsale di radiocollegamenti in UHF (432 Mhz) che attraversava tutta la penisola, sulla falsariga di uno schema di ponti ripetitori televisivi. Nel corso degli anni il CISAR si è battuto per tutelare gli interessi dei radioamatori in particolar modo chiedendo una regolamentazione dell'attività radiantistica in Italia.
La sezione C.I.S.A.R. di Campobasso, si è costituita in data 14 Aprile 2009 condividendo appieno lo statuto del C.I.S.A.R nazionale con l’intento di proseguire le sperimentazioni a livello locale e condividerne i risultati con tutti i radioamatori iscritti e non. Emanazione del C.I.S.A.R. è l’ R.N.R.E. Raggruppamento Nazionale Radiocomunicazioni di Emergenza, iscritto alla Consulta Nazionale del Volontariato, che opera in via prioritaria in situazioni di emergenze causate da calamità assicurando con una rete capillare di ponti radio interconnessi i collegamenti su tutto il territorio nazionale. In caso di reale necessità su richiesta del Dipartimento Nazionale di protezione Civile è possibile studiare l’attivazione temporanea di singole zone interessate ad emergenze e collegarle con la dorsale nazionale.

L’utilizzo prevede:
1. connettività Internet per le zone colpite dall’emergenza, prelevando la connessione da zone servite, da link satellitari o altre fonti fornite dal Dipartimento.
2. Servizi di telefonia e comunicazioni punto a punto, VoIP con l’installazione di centralini telefonici IP o aggancio a sistemi telefonici esistenti.
3. Invio di immagini e video in tempo reale dai luoghi dell’emergenza e videoconferenze.
La rete di ponti è costantemente mantenuta da radioamatori altamente specializzati e competenti in sistemi di trasmissione al fine di assicurare l’affidabilità del sistema di interconnessioni.

La presidenza regionale C.I.S.A.R. del Molise


 
Torna ai contenuti | Torna al menu