Glossario Radio - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Glossario Radio

Glossario

Glossario Radio

Di seguito, riportiamo alcuni termini e/o glossario di termini utilizzati in ambito radio.

AM: modulazione d'ampiezza.

AMPIEZZA: livello di un segnale (acustico, elettrico).

ANTENNA FILARE:
tipo di antenna molto semplice costituito da un lungo filo avvolgibile. Viene utilizzata per aumentare la ricezione dei ricevitori multibanda, se preposti all'utilizzo, rispetto alla piccola antenna incorporata.

ARI
: Associazione Radioamatori Italiana.

BANDA
: insieme di frequenza comprese entro un dato intervallo di frequenza.

BANDA PASSANTE:
intervallo di audiofrequenza nelle quali un ricevitore dà una risposta efficace e quindi fornisce un'uscita utilizzabile.

BANDE TROPICALI
: intervallo di frequenza da 60 a 120 Khz, in ambito onde medie, utilizzate nelle zone tropicali.

CB:
Cityzen's Band (o cityzened band): banda cittadina. Apparati radio che operano su frequenze attorno 27 MHz in banda UHF e modulazione FM, AM o SSB, portatili e non, con portate sino a 10-20 Km . In base al Codice delle Comunicazioni sono soggette alla "dichiarazione di utilizzo" ed al pagamento di un canome annuo di 12,0 euro (giugno 2010).

C.I.S.A.R.: Centro Sperimentale ed Attività Radiantistiche.

CW: continuous wave, onda persistente. Viene usata per indicare la telegrafia in onda portante non modulata.
DIPOLO: tipo di antenna molto semplice realizzata con un solo conduttore, viene utilizzata per ricevere le onde di un'unica banda (che determina la lunghezza dell'antenna stessa).

DSB:
double side band, banda laterale doppia (vedi SSB).

DX:
indica una trasmissione a lunga distanza che si realizza raramente o comunque inn casi eccezionali.

EHF
- Extremely high frequency (microonde): Le EHF - Extremely high frequency indica quella parte delle onde radio compresa tra 30 e 300 GHz con una lunghezza d’onda compresa tra un millimetro e i dieci millimetri, frequenza oltre la quale la radiazione elettromagnetica è considerata luce infrarossa inferiore, meglio nota come radiazione Terahertz. Si tratta della più alta banda di frequenze radio. Per questo motivo l'insieme delle onde EHF viene anche definito "onde millimetriche"Queste frequenze vengono utilizzate per le trasmissioni satellitari militari e le trasmissioni radioamatoriali. Inoltre le Extremely high frequency sono usate per i servizi sperimentali.

ELF
– Extremely low frequency (Onde extralunghe - audiometriche): La banda ELF ha una gamma di frequenza che va dai 0,1 Hz a 3 Khz ed una lunghezza d’onda da 1.000 Km a 100 Km. La frequenza ELF era utilizzata ai tempi della guerra dalla Marina degli Stati Uniti e da quella Sovietica/Russa per comunicare con i propri sottomarini immersi, questo, a causa dell'elevata conduttività elettrica dell'acqua salata. Oggi, la ELF viene usata per le comunicazioni come canali di comunicazione; solitamente i segnali audiometrici vengono usati per trasmettere la richiesta di emersione ad un sottomarino e dare inizio ad un qualche altro tipo di comunicazione, quali spedizioni in fondo al mare.

FADING:
affievolimento o evanescenza del segnale fino ad non essere più intellegibile, dovuta a variazioni negli strati superiori dell'atmosfera.

FM
: modulazione di frequenza.

FRQUENZA:
numero di cicli di una corrente alternata in 1 secondo.

GUADAGNO:
aumento di potenza di un segnale ottenuto mediante un amplificatore (si misura in decibel).

HERTZ:
unità di misura della frequenza (1 HZ = 1 oscillazione completa al secondo).

HF
- High frequency(Alta frequenza): Le HF è il sinonimo di High Frequency (alta frequenza) ed indica i segnali a radiofrequenza trasmessi nella banda che va dai 3 MHz a 30 MHz ed hanno una lunghezza d’onda che dai 100 ai 10 metri. L’uso più conosciuto è utilizzato nelle comunicazioni aeronautiche oceaniche o a lunga distanza, grazie alla lunga portata consentita dalla riflessione del segnale negli strati alti dell'atmosfera. Le High Frequency sono anche utilizzate per le trasmissioni intercontinentali in codice Morse. Le HF sono usate, inoltre, da numerose stazioni internazionali, utility, quali: navigazione, aeronautica, bollettini meteo, stazioni campione, radioamatori, capitanerie di porto. Ed è anche la banda CB (Banda cittadina).

IONIOSFERA:
regione dell'atmosfera compresa fra 50 e 700 Km di altitudine, le cui stratificazioni possono riflettere le onde radio verso terra o rifrangerle verso lo spazio in modi diversi a seconda delle ore del giorno e delle interazioni col vento solare.

LPD:
Low Power Device. Tipo di radio ricetrasmittente che lavora su frequenze UHF a 443 MHz modulazione FM con portata massima 1-2 Km in campo aperto. Ai sensi del Codice delle Comunicazioni gli apparati LPD non necessitano di nessuna autorizzazione per l'utilizzo. Sono detti anche LPD433.

LOOP:
antenna di lunghezza adeguata alla frequenza di forma circolare.

LW:
long waves, onde lunghe (60-540 Khz).

MW:
medium waves, onde medie (540-1600 Khz).

OC:
onde corte (sigla italiana poco usata).

OL:
onde lunghe (sigla italiana poco usata).

OM:
onde medie (sigla italiana poco usata).

ONDE RADIO: sottoinsieme delle onde elettromagnetiche, che possono essere generate artificialmente ed utilizzate nelle comunicazioni radio-televisive.
PMR446: Personal Mobile Radio, apparati radio portatili (palmari) che operano in UHF nel campo dei 446 MHz modulazione FM. In base al Codice delle Comunicazioni in Italia (a differenza della quasi totalità dell'Unione Europea) sono soggetti ad una "dichiarazione di utilizzo" ed al pagamento di un canone annuo pari a 12 euro (giugno 2010).

PONTE RADIO: collegamento via radio con antenne direzionali da una stazione radio ad un'altra. La trasmissione e la ricezione avvengono solo fra le stazioni radio e non possono essere ricevute o intercettate da altri apparati se non trovandosi sulla linea retta che collega le due stazioni stesse. Il ponte radio si differenza dalla normale trasmissione radio in quanto avviene solo in una direzione specifica e non, come la radio, in tutte le direzioni onde coprire una determinata area. La trasmissione/ricezione in una direzione unica consente di effettuare collegamenti a lunghe distanze.

PORTANTE: onda o segnale di elevata frequenza al quale viene sovrapposto un segnale modulante di frequenza inferiore.

ROGER BEEP: segnale automatico che nelle radio ricetrasmittenti avvisa dell'avvenuta fine di una conversazione (sostituisce le parole "passo" o "cambio").

RADIANTISMO: insieme delle attività connesse alla pratica di radioamatore ed all'utilizzo di apparati radio.

RADIOAMATORE: chi si dedica per passione, seguendo corsi di abilitazione e rilascio di apposito patentino, allo studio, realizzazione ed/o utilizzo di apparati radio per collegamenti a lunga distanza in apposite bande di frequenza riservate a questa attività.

RADIOASCOLTO:
sottoinsieme dell'attività di radioamatore che consiste nella ricezione ed ascolto di trasmissioni radio di vario genere, comprendenti quelle delle stazioni radio internazionali.

RICEVITORE:
apparato radio che consente di solo di ricevere trasmissioni radio in determinate frequenza, non di trasmettere.

RICEVITORE MULTIBANDA:
apparato radio che consente di ricevere più bande (LW-MW-SW), in AM/FM ed altre modulazioni, utilizzato soprattutto per l'ascolto delle stazioni radio internazionali.

SCANNER MULTIBANDA:
particolare tipo di ricevitore che permette di effettuare una scansione su quasi la totalità delle bande delle onde radio, con tutte le diverse modulazioni possibili (AM, FM, SSB, CW).

SCRAMBLE:
dispositivo su apparecchiature radioamatoriali che consente di criptare la trasmissione in modo che possa essere ascoltata solo da chi ha impostato lo scramble sullo stesso codice, illegale in Italia su diverse apparecchiature fra cui gli apparati LPD, PMR446 e CB.

SHF - Super high frequency (o SHF): si riferisce a radio frequenze (RF) nell'intervallo che va da 3GHz a 30 con una lunghezza d’onda che va dieci ad un centimetro, anche conosciuta come banda centimetrica o onde centimetriche. In questa frequenza si trovano anche le microonde e queste frequenze sono usate per dispositivi a (forno) microonde, Wireless Local Area Network (la rete locale che sfrutta la tecnologia wireless), ponti radio terrestri, comunicazioni satellitari, Radar, Stazioni tv via satellite e trasmissione dati.

SLF - Super low frequency: La banda SLF ha una gamma di frequenza che va dai 30 ai 300 Hz Khz ed una lunghezza d’onda da 10 Km a 1000 Km. La SLF è il sinonimo di Super Low Frequency ed indica, nella designazione ITU, la parte dello spettro delle onde radio. Questa gamma di frequenza include quella utilizzata dalla corrente alternata per uso civile (50 Hz). Anche questa frequenza è usata per le comunicazione con i sottomarini, e un qualche altro tipo di comunicazione, quali spedizioni in fondo al mare.

SQUELCH: negli apparati radio ricetrasmittenti è circuito che in assenza di segnale inibisce la ricezione per limitare il fruscio di fondo e si disattiva non appena arriva un segnale in ricezione, ma regolandolo serve anche a limitare l'interferenza di altre trasmissioni più deboli sullo stesso canale.

SSB:
single side band, tecnica di trasmissione in fonia con la quale si modula solo una parte dell'onda portante ovvero quella superiore (USB, upper side band) o inferiore (LSB, lower side band). Per ricevere trasmissioni SSB il ricevitore deve essere dotato di un cirquito apposito detto BFO.

SW:
short waves, onde corte (da 1600 Khz a 30 Mhz).

SWL:
short waves listener, radioamatore dedito all'ascolto delle trasmissioni in onde corte.

TRASPONDER:
dispositivo che permette consente di modificare la frequenza di una trasmissione radio (in entrata) in un'altra (in uscita).

UHF:
UHF è il sinonimo di Ultra High Frequency e sta ad indicare i segnali a radiofrequenza trasmessi nella banda che va da 300 MHz a 3 GHz ed ha una lunghezza d’onda che va da un metro a dieci centimetri. Le UHF è utilizzato da diversi utilizzatori: la maggior parte dei canali televisivi, dalla telefonia cellulare, nelle reti wireless, nonché nei forni a microonde domestici. Viene inoltre utilizzata per comunicazioni aeronautiche militari e dai servizi satellitari.

VHF
- Very high frequency (Onde Ultra Corte): VHF è il sinonimo di Very High Frequency e sta ad indicare la parte dello spettro delle onde radio compresa tra 30 e 300 MHz ed hanno una lunghezza d’onda che va da 10 a un metro. La banda VHF è utilizzata principalmente dalle stazioni di terra VOR, chiamata anche radiofaro e delle comunicazioni aeronautiche civili, navali, delle forze di polizia e per la trasmissione di alcuni canali televisivi. Le frequenze da 144 a 146 MHz (amatoriali) sono riservate all'attività di radioamatore, con ponti e ripetitori, la banda compresa tra gli 88 e i 108 MHz è utilizzata per la trasmissione radiofonica in FM (radio commerciali), quelle dai 108 MHz ai 118 MHz sono riservate ai radiofari aeronautici, infine le frequenze comprese tra 118 MHz e 136 MHz sono occupate dalle comunicazioni aeronautiche, con bollettini meteo. Mentre segnali complessi contenenti tutte le frequenze di questa banda vengono impiegati per la magnetoterapia, in medicina, ad alta frequenza.

VLF - very low frequency: o VLF (in inglese frequenza molto bassa) è il nome che convenzionalmente è stato assegnato alle radiofrequenze comprese tra 3 e 30 kHz, cui corrispondono lt lunghezze d'onda tra i 10 e 100 chilometri. La sigla rappresenta una delle delle bande radio definite dalla lt ITU-R nella raccomandazione V.431 e la cui origine risale alla IV conferenza del comitato CCIR che si tenne a Bucarest nel 1937, i cui lavori furono ratificati dalla International Radio Conference di Atlantic City del 1947.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu