La notte europea dei ricercatori - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La notte europea dei ricercatori

Radio Archivio
Collocato all'interno del Braccio di Orione, un braccio secondario della spirale galattica, il Sole orbita attorno al centro della Via Lattea ad una distanza media di circa 26 000 anni luce e completa la propria rivoluzione in 225-250 milioni di anni. Tra le stelle più vicine, poste entro un raggio di 17 anni luce, il Sole è la quinta più luminosa in termini intrinseci: la sua magnitudine assoluta, infatti, è pari a +4,83. Se fosse possibile osservare la nostra stella da α Centauri, il sistema stellare più vicino, essa apparirebbe nella costellazione di Cassiopea con una magnitudine apparente di 0,5. Il simbolo del Sole consiste di una circonferenza con un punto al centro (Unicode: U+2609 = Sun symbol.svg; entità nei linguaggi HTML, XML e derivati: ☉ = ☉). Il Sole è l'unica stella la cui forma possa essere apprezzata semplicemente alla vista, grazie al suo diametro angolare apparente medio di 32' 03" d'arco, che varia però a seconda del punto in cui la Terra si trova nel corso della sua orbita: raggiunge infatti il valore massimo (32' 35") quando il nostro pianeta si trova al perielio, mentre il valore minimo (31' 31") all'afelio. Simili dimensioni apparenti consentono, previo l'utilizzo di particolare strumentazione ed adeguate protezioni, di osservare i dettagli della superficie della nostra stella allo scopo di rivelare e studiare i fenomeni che la caratterizzano. A occhio nudo è possibile distinguere il disco solare al tramonto o in presenza di nebbia e nubi, quando l'intensità luminosa è sensibilmente minore. Tali osservazioni permettono, seppure in rare circostanze, di osservare delle macchie solari particolarmente estese. Utilizzando poi un modesto telescopio, dotato di un adeguato filtro o utilizzato in modo da proiettare l'immagine della stella su uno schermo bianco, è possibile osservare agevolmente le macchie solari e i brillamenti. Tuttavia, a causa dei rischi a cui è soggetta la retina dell'occhio, l'osservazione del Sole senza le giuste protezioni è dannosa alla vista: infatti, la forte radiazione può provocare la morte di parte delle cellule della retina, deputate alla visione, oppure la degenerazione di alcune strutture oculari, come il cristallino.
Osservatorio Astronomico O.A.G. Monti Lepini - Sezione di Ricerca Radioastronomia - 00030 Gorga Roma - http://www.osservatoriogorga.it. Agli Osservatori Astronomici, Alle Stazioni Radioastronomiche, Alle Associazioni di Astrofili, Alle Associazioni di Radioamatori. Oggetto: Programma evento “La Notte Europea dei Ricercatori” - Osservatorio Astronomico O.A.G. Monti Lepini * 00030 Gorga (Roma), 26 e 27 Settembre 2014. Cari tutti, la presente per informarvi che, come negli anni precedenti, questo osservatorio aderisce all'evento in oggetto organizzato da Frascati Scienza, con un nutrito programma di iniziative scientifiche e con la presenza di autorevoli personalità del mondo della scienza. E, per estendere il programma dell'evento, proposto dalla Commissione Scientifica Europea, anche ad altre latitudini, nel corso della due giorni scientifica, l'osservatorio effettuerà una serie di collegamenti via Eco-Link con quanti in indirizzo vorranno condividere l'iniziativa, in armonia con i radioamatori, osservando le seguenti modalità: - connessione con il Nodo Eco-Link: IK0ELN-L “Radio Astronomy Station” n° 649080; utilizzando esclusivamente il sistema di comunicazione via computer, via tablet, via I-Phone, oppure via Smart-Phone; evitando connessioni via ponti ripetitori linkati ad altri nodi per scoraggiare interferenze, disturbi voluti ed atti di insofferenza. Di pari deve essere evitato di pubblicare questa nota informativa sui vostri siti allo scopo di non incoraggiare involontariamente comportamenti di pirateria radiantistica. Pertanto, tenuto conto della presenza di esimie personalità del mondo della scienza e della cultura, nonché delle autorità cittadine , tutti i collegamenti effettuati via ponte ripetitore saranno immediatamente disconnessi. L'argomento delle comunicazioni dovrà riguardare particolarmente il reciproco scambio delle informazioni inerente il proprio programma elaborato in occasione dell'evento, se il calendario del programma prevede relazioni tecnico/scientifiche e su quale tema esse vertono, l'eventuale nome dei relatori, il numero dei visitatori, una descrizione degli strumenti ottici in dotazione all'osservatorio o al sito osservativo allestito per l'occasione, le condizioni meteo. Sono da evitare argomenti di natura tecnica, riferiti al tipo di ricetrasmettitore utilizzato, alle antenne in uso, a informazioni di carattere personale. A tal riguardo, invio in allegato alla presente la locandina, attraverso la quale si potranno attingere gli orari di presenza assegnati all'osservatorio di Gorga da Frascati Scienza http://www.frascatiscienza.it/. Infine vi ricordo che “La Notte Europea dei Ricercatori” è una delle tante iniziative scientifiche promosse dall'Unione Scientifica Internazionale (International Scientific Union) alle quali, spesso, collaborano anche i radioamatori. Certo della vostra cortese collaborazione, auguro a voi tutti. Vogliate gradire cordiali saluti e l'augurio di Cieli Sereni. 	F/to ik0eln Giovanni Lorusso. dott. Giovanni Lorusso * Coordinatore Sezione di Ricerca Radio Astrronomia - Via R. Leoncavallo, 25 * 00013 Mentana (Roma) e.mail: iksetteeln@alice.it Cell. 338.7783196 - 340.4242330
 
Torna ai contenuti | Torna al menu