Appunti di Radioastronomia a cura di IZ6UQL Ivano Puca - CISAR Majella: Ison, una morte annunciata - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Appunti di Radioastronomia a cura di IZ6UQL Ivano Puca - CISAR Majella: Ison, una morte annunciata

Radioastronomia
 
IZ6UQL Ivano Puca CISAR Abruzzo


APPUNTI DI RADIOASTRONOMIA

a cura di IZ6UQL, Ivano Puca
della CISAR Abruzzo.




 
Nell'Apocalisse gli angeli versano «le sette coppe dell'ira di Dio» sulla Terra. L'Armageddon viene dopo il versamento della sesta coppa: « Poi il sesto angelo versò la sua coppa sul gran fiume Eufrate, e le sue acque si prosciugarono perché fosse preparata la via ai re che vengono dall'Oriente. E vidi uscire dalla bocca del dragone, da quella della bestia e da quella del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane. Essi sono spiriti di demoni capaci di compiere dei miracoli. Essi vanno dai re di tutta la terra per radunarli per la battaglia del gran giorno del Dio onnipotente. (Ecco, io vengo come un ladro; beato chi veglia e custodisce le sue vesti perché non cammini nudo e non si veda la sua vergogna).) E radunarono i re nel luogo che in ebraico si chiama Harmaghedon.» Resurrezione dei morti. Particolare del rosone rappresentante l'Apocalisse nella chiesa Sainte-Chapelle, Parigi, ca. 1200. Questo passaggio è ambiguo, non è chiaro se vi è davvero successo qualcosa o se il raduno degli eserciti è solo un simbolo. Infatti, vi fu in quel posto un raduno dell'esercito romano in preparazione di uno degli attacchi a Gerusalemme nel 67 d.C.

ISON,
UNA MORTE ANNUNCIATA
#####


Quando la cometa ISON nel settembre 2012 è stata scoperta, dai suoi parametri orbitali, gli astronomi si sono subito resi conto che avrebbe sfiorato il Sole al passaggio al Perielio. Le probabilità di un passaggio radente, che avrebbe lasciato integro o abbastanza consistente il nucleo, per generare una coda visibile anche ad occhio nudo, sarebbero state poche. Forse, anche per credere che tutto sarebbe andato per le più rosee delle previsioni, la Ison fu annunciata come cometa del secolo: sarebbe riapparsa da dietro il disco solare diventando, dopo pochi giorni, luminosa come la Luna piena!! La sua magnitudine sarebbe stata negativa con valori anche inferiori a -5! Quindi più luminosa delle recenti Hale-Bopp e West, fotografate e filmate nel 1997 e 1976 o andando indietro nel tempo, alla grande cometa del 1744, la Cheseaux, documentata solo con disegni o scritti, che sviluppò addirittura 6 code. Invece qual’é stato l’orizzonte degli eventi della Ison?
Il 28 novembre, alle 19,37 ora italiana, raggiungeva il perielio, quando già da centinaia di migliaia di chilometri aveva perso circa 800 Kg di massa al secondo. L’esigua massa del nucleo non ha resistito all’enorme temperatura e forza mareale a causa della vicinanza con il Sole, distante appena 1,2 milioni di km. Forse il diametro nucleare non era di 5 km come si credeva ma di soli 1,5 km. Basti pensare, per fare paragoni, che i nuclei delle comete Halley e Hale-Bopp, erano e sono a "tutt’oggi" di km 50 e 15. Ricordiamo che il nucleo della Halley, all’ultimo perielio del 1986, era distante dal Sole ben 150 milioni di km ed è stato il primo ad essere stato osservato a distanza ravvicinata da una sonda, la Giotto, fiore all’occhiello dell’ESA che fornì dati importanti sulla struttura cometaria e sulla sua composizione chimica.
Il nucleo della Ison, quindi sollecitato dall’enorme pressione solare, non ha solo sublimato superficialmente, ma si è disintegrato in una enorme nube di polveri e piccoli detriti.
Un bagliore dopo il passaggio al perielio ha fatto sperare gli astronomi: è stato l’ultimo sussulto di vita, come cometa, della Ison. L’aumento improvviso della magnitudine ha fatto riaccendere le speranze che una parte del nucleo fosse sopravvissuta alla fornace solare di 5.000 K.

Purtroppo non è stato così. La conferma è venuta definitivamente con le eccezionali riprese della sonda SOHO, un telescopio, gioiello della tecnologia spaziale orbitante a 1,5 milioni di Km dalla Terra e costantemente orientato verso il disco solare che tramite i coronografi, riesce a vedere tutto ciò che accade nei pressi della fotosfera.
Gli astronomi Cheseaux o Halley cosa avrebbero dato per vedere le immagini delle loro comete come le immagini della Ison inviate dal Soho alla Terra! E cosa registra il Soho della Ison? La sua fine !!
Il 28 novembre vediamo che esce dal perielio con una magnitudine stimabile a -4, ma, poi, velocemente si spegne il giorno 30. Infatti non presenta più la bella coda lunga dei giorni precedenti, ma solo una nube di polveri a ventaglio che pian piano scompare ad occhio nudo e diventa visibile solo con strumenti di media apertura.
Fine delle speranze. Ma ricordiamoci che la morte della cometa Ison era stata annunciata.
Possiamo dire che tutto è concluso? Non tutto! Qualcosa del suo corpo cometario la Ison lo ha lasciato nei pressi del nostro pianeta. Nella prima decade di gennaio del 2014, la Terra lungo la sua orbita incontrerà la nube di polveri espulsa dal nucleo della cometa. Nube che sarà formata da piccolissime particelle dal diametro di pochi micron. Queste particelle finissime non bruceranno a contatto con gli strati alti dell’atmosfera, ma resteranno sospese per almeno due anni come nubi ad un’altezza di 80 km, nella mesosfera. Nubi, quindi, non come quelle della bassa atmosfera, di vapore acqueo, ma nubi nottilucenti, che cariche elettricamente, assumeranno una colorazione blu e saranno visibili dopo il tramonto del Sole.
Di queste polveri è ciò che resta della cometa nel Sistema Solare interno. La parte del nucleo ridotto ormai in frammenti e sopravvissuto alla prima e ultima rivoluzione, pian piano si disperderà nello spazio, lungo la traiettoria iperbolica che avrebbe avuto un periodo di 400.000 anni, ultimo residuo della C/2012 S1 (ISON), proveniente da quel serbatoio delle comete, che è la nube di Oort, dopo aver compiuto un viaggio di 1 anno luce durato 3 milioni di anni.


Cieli Sereni
IZ6UQL Ivano Puca
CISAR Majella

Esistono tre tipi differenti di neutrino: il neutrino elettronico νe, il neutrino muonico νμ e il neutrino tauonico ντ, in diretta relazione rispettivamente con i leptoni del modello standard (elettrone, muone e tauone). La gran parte dell'energia di una supernova collassante viene irradiata in forma di neutrini, prodotti quando i protoni e gli elettroni del nucleo si combinano a formare neutroni. Questa reazione produce un flusso considerevole di neutrini. La prima prova sperimentale di questo fatto si ebbe nel 1987, quando vennero rilevati i neutrini provenienti dalla supernova 1987a. La massa dei neutrini e le sue conseguenze. Nel Modello Standard (MS) i neutrini sono ipotizzati esistere privi di massa. Tuttavia, esperimenti recenti suggeriscono che ciò sia falso. Infatti, flussi di neutrini possono oscillare tra i tre autostati di interazione, in un fenomeno conosciuto come oscillazione dei neutrini (che fornisce una soluzione al problema dei neutrini solari e a quello dei neutrini atmosferici). Questo, inevitabilmente, induce a modificare il MS, introducendo dei termini nuovi per soddisfare la richiesta che i neutrini siano particelle dotate di massa.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu