Il sistema di trasmissione digitale "JT65" - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il sistema di trasmissione digitale "JT65"

Modi digitali

L’attività dei radioamatori è rappresentata di sicuro dai modi digitali. I sistemi digitali sono tra i più disparati e tra questi più in uso dai radioamatori sono: AMTOR, APRS, ATV, Bell 103, Bell 202, CLOVER2000, CW, DominioEx, DV, Fax, FSK441, Hell, JT44, JT65, JT6M, MFSK 8/16, MT63, Olivia, Onda continua, Onda modulata continua, On-off keying, Packet radio, PACTOR, PSK31/63, Q15X25, RTTY, SSTV, Throb, WSPR. Questi modi digitali, con l’ausilio di un personal computer, i radioamatori sono in grado di fare sperimentazione di trasmissioni in digitale.

La qualità dei suoni digitali dipendono da tre fattori fondamentali di una registrazione audio: 1. Frequenza, 2. Bit per campioni, 3. Fonia. Tali proprietà di suoni sono settabili da una finestra apposita, così variando la frequenza, la qualità del suono varia nel numero di campionamenti dei suoni digitale stessi in un secondo; variando i bit varia il range della rappresentazione dei valori delle ampiezze, mentre variando la fonia si varia il numero dei canali audio. Naturalmente più la qualità di una registrazione del suono digitale è elevata, maggiore sarà lo spazio di memorizzazione richiesto.

IL SISTEMA DIGITALE JT65

JT65, sviluppato e rilasciato alla fine del 2003, è stato progettato per segnali estremamente deboli, ma lentamente variabili, come quelle che si trovano sulla diffusione troposferica o Terra-Luna-Terra ( EME , o "moonbounce") i percorsi. Si può decodificare i segnali molti decibel al di sotto del rumore di fondo , e che spesso può permettere dilettanti di scambiare correttamente le informazioni di contatto senza segnali di essere udibile dall'orecchio umano. Come le altre modalità, frequenza multipla shift keying viene impiegato, a differenza degli altri modi, i messaggi sono trasmessi come atomiche unità dopo essere stato compresso e poi codificato con un processo noto come la correzione degli errori in avanti (o "FEC"). Il FEC aggiunge ridondanza dei dati, in modo che tutti di un messaggio può essere recuperato con successo anche se alcuni pezzi non vengono ricevuti dal ricevitore (Il codice particolare utilizzato per JT65 è Reed-Solomon). A causa di questo processo FEC, i messaggi sono o decodificati correttamente o non decodificati a tutti, con probabilità molto elevata. Dopo che i messaggi sono codificati, sono trasmessi mediante MFSK con 65 toni.
Gli operatori hanno inoltre iniziato a utilizzare il modo JT65 per contatti sul HF bande, spesso utilizzando QRP (potenza di trasmissione molto bassa); mentre la modalità non era originariamente destinato a tale uso, la sua popolarità ha portato a diverse nuove funzionalità che viene aggiunto al WSJT al fine di facilitare il funzionamento ad alta frequenza.

Il software alternativo per JT65
Ci sono pacchetti software alternativi per JT65 compreso MultiPSK (un pacchetto commerciale sviluppato da F6CTE), e JT65-HF (un pacchetto freeware sviluppato da W6CQZ). Il JT65-HF software possono essere ottenute presso Sourceforge.
Una serie di articoli sull'uso di JT65-HF è apparso nel mese di ottobre CQ Amateur Radio e novembre 2010 problemi.

Fonte: Wikipedia

Frequenze dedicate ai servizi di trasmissioni dei modi digitali dei radioamatori in JT65.
Riportiamo qui l'estratto per le principali  frequenze  assegnate sole bande di interesse  radioamatoriale  del Nuovo Piano Nazionale di  ripartizione delle frequenze in JT65.
E’ possibile ricevere e trasmettere nelle seguenti frequenze in JT65: da 430925 a 431025, da 1240 a 1241, da 2355 a 2365, da 2392 a 2400, 5766+-4, 10300+-50, 10359 +-9, 10435.5 +-65, da 24000 a 24048 e da 47100 a 47200 in tutti i modi e sistemi digitali.

 
Ci sono suoni importanti nella vita d’ognuno di noi, suoni che non sappiamo imitare. Mistiche vibrazioni perse nell’aria, che vagano alla ricerca di un luogo su cui posarsi per lasciarsi ascoltare. Lontano, nella nostra coscienza, esiste una fragile chiave capace di aprire i cancelli dei nostri più segreti silenzi. Dove si nasconde la nostra percezione? Perché si allontana, da noi? Ci sono suoni buoni, altri invece che non sorridono. Quelli che impariamo a riconoscere a volte ci sfuggono per non lasciarsi ascoltare fino in fondo, per restare capaci di nutrirci, così come ci nutre un paesaggio, la neve che cade, l’acqua che scorre. Suoni che restano dentro di noi come profumi che non dimenticheremo mai e non vogliamo dimenticare, come la voce di una madre, di un padre, di un figlio.


Ascolta il segnale digitale del sistema "JT65"
(Clicca sull'altoparlante)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu