Il sistema di trasmissione digitale "Q15X25" - IW6ON - C.I.S.A.R. - Associazione Italiana Radioamatori Giulianova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il sistema di trasmissione digitale "Q15X25"

Modi digitali

L’attività dei radioamatori è rappresentata di sicuro dai modi digitali. I sistemi digitali sono tra i più disparati e tra questi più in uso dai radioamatori sono: AMTOR, APRS, ATV, Bell 103, Bell 202, CLOVER2000, CW, DominioEx, DV, Fax, FSK441, Hell, JT44, JT65, JT6M, MFSK 8/16, MT63, Olivia, Onda continua, Onda modulata continua, On-off keying, Packet radio, PACTOR, PSK31/63, Q15X25, RTTY, SSTV, Throb, WSPR. Questi modi digitali, con l’ausilio di un personal computer, i radioamatori sono in grado di fare sperimentazione di trasmissioni in digitale.

La qualità dei suoni digitali dipendono da tre fattori fondamentali di una registrazione audio: 1. Frequenza, 2. Bit per campioni, 3. Fonia. Tali proprietà di suoni sono settabili da una finestra apposita, così variando la frequenza, la qualità del suono varia nel numero di campionamenti dei suoni digitale stessi in un secondo; variando i bit varia il range della rappresentazione dei valori delle ampiezze, mentre variando la fonia si varia il numero dei canali audio. Naturalmente più la qualità di una registrazione del suono digitale è elevata, maggiore sarà lo spazio di memorizzazione richiesto.

IL SISTEMA DIGITALE Q15X25

Il modo digitale Q15X25 è un protocollo di comunicazione per l'invio di dati attraverso un collegamento radio. È stato progettato da radioamatore operatore Pawel Jalocha, SP9VRC, per essere uno standard aperto di comunicazione. Come tutti i modi le comunicazioni radio amatoriali, questo protocollo utilizza trasmissioni aperte che possono essere ricevuti e decodificati da chiunque con apparecchiature simili. Q15X25 è una forma di packet radio . Chiunque può progettare o adattare il software open-source per sviluppare il proprio Q15X25 sistema.
Q15X25 è un processore digitale di segnale alta intensità modalità progettata per far passare AX.25 pacchetti in HF con velocità e affidabilità molto maggiore rispetto ai tradizionali HF ARQ modem. Esso utilizza 15 vettori modulate QPSK separati da 125 hertz, ognuno modulato a 83,333 baud. Q15X25 utilizza Forward Error Correction (FEC), e come MT63 , utilizza tempo e della frequenza interleaving al fine di evitare maggiori fonti di errore. Le prime velocità di trasmissione dati è tipicamente 2500 bit/s.
In genere il ricevitore DSP based e modulatore del trasmettitore o codec viene implementato come software per PC che utilizza una scheda audio per collegare direttamente ad un ricetrasmettitore SSB. Implementazioni di Linux sono di solito chiamati "newpsk" o "newqpsk". MixW (http://www.mixw.net/), un controllo multiuso di comunicazione e modalità di pacchetto digitale su Windows in grado di implementare bacio e/o "TCP / IP su X.25" su entrambi i tradizionali 300 baud, 1200 baud e 2400 baud FSK pacchetto "modem" implementato come DSP tramite scheda audio o su Q15X25. Il pacchetto "FlexNet" Il software Windows ha anche un newqpsk / Q15X25 opzione.
Chiunque può ascoltare / decodifica Q15X25 trasmissioni, ma è richiesta una licenza per la trasmissione. Può essere utilizzato dai radioamatori (prosciutti o in Irlanda "sperimentatori senza fili") per interconnettere locale VHF AX.25 reti a pacchetto su distanze transcontinentale.

Frequenze (tutte USB) in uso sono: 80 m 3585 kHz 40 metri 7035 kHz
20 metri 14109 kHz (MixW centro circa 1350 Hz superiore)

Fonte: Wikipedia

Frequenze dedicate ai servizi di trasmissioni dei modi digitali dei radioamatori in Q15X25.
Riportiamo qui l'estratto per le principali  frequenze  assegnate sole bande di interesse  radioamatoriale  del Nuovo Piano Nazionale di  ripartizione delle frequenze in  Q15X25 .
E’ possibile ricevere e trasmettere nelle seguenti frequenze in  Q15X25: da 430925 a 431025, da 1240 a 1241, da 2355 a 2365, da 2392 a 2400, 5766+-4, 10300+-50, 10359 +-9, 10435.5 +-65, da 24000 a 24048 e da 47100 a 47200 in tutti i modi e sistemi digitali.

 
Ci sono suoni importanti nella vita d’ognuno di noi, suoni che non sappiamo imitare. Mistiche vibrazioni perse nell’aria, che vagano alla ricerca di un luogo su cui posarsi per lasciarsi ascoltare. Lontano, nella nostra coscienza, esiste una fragile chiave capace di aprire i cancelli dei nostri più segreti silenzi. Dove si nasconde la nostra percezione? Perché si allontana, da noi? Ci sono suoni buoni, altri invece che non sorridono. Quelli che impariamo a riconoscere a volte ci sfuggono per non lasciarsi ascoltare fino in fondo, per restare capaci di nutrirci, così come ci nutre un paesaggio, la neve che cade, l’acqua che scorre. Suoni che restano dentro di noi come profumi che non dimenticheremo mai e non vogliamo dimenticare, come la voce di una madre, di un padre, di un figlio.


Ascolta il segnale digitale del sistema "Q15X25"
(Clicca sull'altoparlante)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu